In primo piano

[ 16 gennaio ]

[ 09 febbraio ]

[ 24 gennaio ]


Visualizzati da 1 a 6
(su 225 totali)
1 2 3 4 5 » »»
Teatro di prosa [ 24 gennaio - 00:00 ] - Anfiteatro
Nella Cenere
I Teatrini di Napoli
 
Per l’ultimo appuntamento con il Teatro delle Meraviglie al Teatro Civico di Dalmine è di scena Cenerentola, con lo spettacolo “Nella Cenere”, di Giovanna Facciolo. La compagnia “I teatrini di Napoli” presenta così una delle fiabe più diffuse nel mondo, tradotta in una versione drammaturgica e registica decisamente suggestiva. Appuntamento quindi domenica, 24 gennaio 2010 alle ore 16.00 al Teatro Civico di via Kennedy n. 3.

Dalla famosa scarpetta ad un mare di scarpe. Scarpe, scarpe, scarpe dappertutto, per terra, sospese, impigliate in grandi ragnatele, da riordinare, da pulire, da provare, da riempire di lenticchie, da tenere nascoste, da inseguire, con cui danzare, da calzare per tessere magicamente, con l’arte di un ragno, il vestito per andare al ballo.

enerentola che vive tra cenere e polvere, dorme arrotolata nel pentolone del focolare, e lì sogna. Sogna di andare al ballo, di uscire da quell’inferno dove ha perso tutto: la madre, l’amore del padre, la spensieratezza e l’agio in cui viveva, persino il nome.

Sogna di riscattarsi da quella cenere che cosparge la sua esistenza, dalla sua condizione di sfruttata e dimenticata, da quelle terribili sorellastre che la costringono a sottostare ad ogni loro volere, secondo le regole del sempiterno bullismo, che come in ogni epoca, ruba ciò che non ha, sfruttandolo e umiliandolo.

Cenerentola risorge dalle sue ceneri, è proprio il caso di dire: dal pentolone nascerà una magnifica carrozza e dalle ragnatele un bellissimo vestito. Cenerentola andrà al ballo: per lei ricomincia una nuova vita che le renderà giustizia, dove sarà amata, stimata, apprezzata.

Perché  Cenerentola è tutto quello che le sorelle non hanno: è sensibile, paziente, piena di grazia, nonostante tutto quello che deve sopportare. Una grazia che viene dal cuore, che è la sua bellezza, la sua forza. Ed è tra la cenere in cui vive che, con l’aiuto della madre-fata, riafferra le sue radici, la sua identità sepolta, il filo per tessere il proprio destino, per crescere.

PHOTOGALLERY
CONDIVIDI
  

[ torna indietro ]